TARI - Tributo sui Rifiuti

Avviso del 20 ottobre 2020:
 
 
Avviso del 28 settembre 2020
 
 
 _____________________________________
 
 
COS'E' LA TARI?
Istituita con Legge 27/12/2013 n. 147, la TARI (tributo sui rifiuti) è dovuta da chiunque, persona fisica o giuridica, a qualsiasi titolo (proprietà, usufrutto, comodato, locazione, ecc.), occupi o detenga locali e/o aree, coperte o scoperte, a qualsiasi uso adibite nel territorio comunale e rappresenta il corrispettivo per il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani ed assimilati.

 
QUALI SONO LE TARIFFE TARI UTENZE DOMESTICHE?
La prima rata è pari al 40% di quanto dovuto per l’anno solare applicando le tariffe e le agevolazioni previste per il 2019.
Il saldo invece sarà determinato con successive deliberazioni consigliari, tenendo conto:
  • delle agevolazioni ed esenzioni che l’Amministrazione comunale riterrà di adottare;
  • del PEF 2020 in fase di approvazione.
 
QUALI SONO LE TARIFFE TARI UTENZE NON DOMESTICHE?
La prima rata è pari al 40% di quanto dovuto per l’anno solare applicando le tariffe e le agevolazioni previste per il 2019.
Il saldo invece sarà determinato con successive deliberazioni consigliari, tenendo conto:
  • delle agevolazioni ed esenzioni che l’Amministrazione comunale riterrà di adottare;
  • delle agevolazioni previste dalla deliberazione di ARERA in relazione all’emergenza Covid-19;
  • del PEF 2020 in fase di approvazione.
 
QUALI SONO LE SCADENZE DELLE RATE TARI?
  • 1^ rata: 30 settembre 2020;
  • 2^ rata: 28 febbraio 2021.
Le scadenze delle rate TARI sono state stabilite dal Consiglio comunale con deliberazione n. 32 del 28.07.2020.
 
L'Amministrazione comunale, per sostenere le difficoltà che molte famiglie e attività commerciali hanno avuto in questi mesi a causa dell’emergenza da Covid-19, ha stabilito il rinvio della prima scadenza della TARI per l’anno 2020 per tutti i contribuenti dal 16 giugno al 30 settembre 2020.
Tale scelta è stata adottata in via prudenziale anche in considerazione di due altri fattori:
1. le numerose novità introdotte dall’autorità competente (ARERA) relativamente al metodo di calcolo dell’imposta;
2. l’esigenza di approfondire l’impatto dell'emergenza sanitaria sulla gestione comunale dei rifiuti e, di conseguenza, sulla tariffazione del servizio.

 
COME PAGARE
Il pagamento del tributo deve essere effettuato utilizzando i modelli F24 allegati agli avvisi di pagamento che il Comune di Lovere emettere in relazione alle scadenze delle rate stabilite annualmente.
 
 
COME CALCOLARE LA TARI PER UNA UTENZA DOMESTICA
Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali per la parte fissa unitaria, e poi si aggiunge la parte variabile, stabilita in base al numero dei componenti del nucleo familiare. a titolo di tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale (Decreto legislativo 30/12/1992, n. 504, art. 19).
Per dettagli relativamente alle riduzioni/agevolazioni clicca qui.
 

COME CALCOLARE LA TARI PER UNA UTENZA NON DOMESTICA
Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali per la parte fissa unitaria della categoria di appartenenza (classificazione in base alle categorie merceologiche definite dal Decreto del Presidente della Repubblica 27/04/1999, n. 158); al risultato si aggiunge il prodotto tra la superficie “calpestabile” dei locali e la parte variabile della categoria di appartenenza. A tale importo si applica un ulteriore 5% a titolo di tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale (Decreto legislativo 30/12/1992, n. 504, art. 19).
Per dettagli relativamente alle riduzioni/agevolazioni clicca qui.


QUANDO PRESENTARE LA DICHIARAZIONE
La TARI non viene applicata automaticamente sulla base dell'espletamento delle pratiche anagrafiche, ma è necessario presentare apposita dichiarazione entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o detenzione degli immobili e/o aree oggetto del tributo indicando:
  • l'inizio, la variazione o la cessazione dell’utenza;
  • la sussistenza delle condizioni per ottenere agevolazioni o riduzioni;
  • il modificarsi o il venir meno delle condizioni per beneficiare di agevolazioni o riduzioni.

Con la dichiarazione di variazione da presentare entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data dell’evento modificativo, il contribuente mette a conoscenza il Comune di quelle variazioni, oggettive o soggettive, che determinano un diverso ammontare dell’imposta.

Accedi alla modulistica della TARI


QUANDO E' POSSIBILE UTILIZZARE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO PER RITARDATO/OMESSO PAGAMENTO DELLE RATE DELLA TARI
Nel caso di ritardato/omesso pagamento delle rate della TARI alle scadenze previste è possibile effettuare il ravvedimento operoso applicando - al tributo o al maggior tributo dovuto e non versato - sanzioni amministrative pecuniarie, calcolate sul primo in misure percentuali di modesta entità.

Ciò significa che:

  • se il pagamento verrà effettuato entro 14 giorni dalla scadenza, la sanzione ordinaria del 30% si riduce allo 0,1% per ogni giorno di ritardo. Così ad esempio, per due giorni di ritardo la sanzione sarà dello 0,2%, per tre giorni dello 0,3% e così via fino al quattordicesimo giorno, pari all’1,4% (ravvedimento sprint);
  • dal quindicesimo giorno di ritardo fino al trentesimo giorno la sanzione si applica nella misura fissa dell’1,5% (ravvedimento breve);
  • dal trentunesimo al novantesimo la sanzione è dell’1,67% (ravvedimento medio);
  • oltre 90 giorni dalla scadenza e, comunque, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall’omissione o dall’errore (prima di qualsiasi contestazione da parte dell’ufficio) la sanzione passerà al 3,75% (ravvedimento lungo);
  • oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione e fino al termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quella nel corso del quale è stata commessa la violazione, ovvero, se non è prevista la dichiarazione periodica, entro due anni dall’omissione o dall’errore, la sanzione prevista è pari al 4,29% (ravvedimento lunghissimo);
  • oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione, ovvero, se non è prevista la dichiarazione periodica, oltre due anni dall’omissione o dall’errore, la sanzione è pari al 5% (ravvedimento ultrabiennale).

Il contribuente non può avvalersi del ravvedimento operoso per sanare le irregolarità della propria posizione tributaria qualora il Comune abbia già constatato l’avvenuta violazione o abbia iniziato accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento o di liquidazione ai sensi di legge delle quali l’autore della violazione o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza (art. 13 del decreto legislativo 472/1997).

 

Si ricorda che, oltre all’imposta dovuta ed alla sanzione dovranno essere pagati, mediante modello F24  (barrando lo spazio corrispondente alla casella “ravv.”), anche gli interessi legali calcolati fino al giorno dell’effettivo pagamento:

  • anno 2014: 1,00%
  • anno 2015: 0,50%
  • anno 2016: 0,20%
  • anno 2017: 0,10%
  • anno 2018: 0,30%
  • anno 2019: 0,80%
  • anno 2020: 0,05%

 
COME CHIEDERE IL RIMBORSO/LA COMPENSAZIONE DELLE SOMME VERSATE E NON DOVUTE
Il contribuente provvedere a presentare apposita richiesta su carta semplice destinata all’Ufficio Tributi, allegando la documentazione necessaria a dimostrazione del diritto a rimborso/compensazione.

 
COME RICHIEDERE ALL'UFFICIO TRIBUTI INFORMAZIONI IN MERITO AGLI AVVISI DI PAGAMENTO RICEVUTI
Il contribuente qualora riscontrasse anomalie nei dati e negli importi contenuti nell’avviso di pagamento ricevuto, dovrà contattare o inoltrare apposita richiesta l’Ufficio Tributi con le modalità sotto riportate.


Le dichiarazioni/richieste possono essere inviate all’Ufficio Tributi utilizzando una delle seguenti modalità:
  • via posta elettronica certificata all'indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • via e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • consegna a mano all'Ufficio Protocollo
 
 
SCARICA:

 

Per maggiori informazioni:
Ufficio Tributi comunale
c/o Palazzo municipale - II piano
tel. e fax. 035.983634
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
Accedi al sito di ARERA, l'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente