Disposizioni di carattere igienico-sanitario relative al contenimento della popolazione dei piccioni   ❌Divieto di vendita di mangime e di alimentazione, misure preventive contro la loro nidificazione e obbligo di pulizia delle superfici pubbliche ai sensi dell’art. 42 del vigente Regolamento comunale per il benessere degli animaliConsiderata la presenza sempre più massiccia di piccioni allo stato libero nel territorio cittadino, tale da costituire un serio rischio di natura igienico-sanitaria per la possibile trasmissione all’uomo di malattie infettive e parassitarie;

considerato il grave pregiudizio e degrado che la crescente massa di deiezioni reca all’ambiente urbano con costi gravosi di pulizia, manutenzione, restauro di monumenti, edifici pubblici e privati, con ordinanza n. 126/2022,

il sindaco ha disposto quanto segue:

❌E’ ASSOLUTAMENTE VIETATO a chiunque depositare o gettare alimenti, scarti o avanzi di cibo ai colombi o ad altri animali selvatici su qualsiasi area pubblica o privata, onde evitare il loro richiamo, la loro permanenza e la loro proliferazione incontrollata;

❌E’ FATTO OBBLIGO a tutti i possessori/detentori o amministratori di immobili di provvedere a propria cura e spese e nel più breve tempo possibile, al risanamento e alla ripulitura periodica dei locali e degli anfratti nei quali i piccioni abbiano nidificato e depositato guano, nonché al risanamento e alla ripulitura delle aree eventualmente sottostanti, quali in particolare aree pubbliche o aperte al pubblico, strade e marciapiedi;

❌E’ FATTO OBBLIGO a tutti i possessori/detentori a qualsiasi titolo o amministratori di immobili interessati dallo stanziamento o dalla nidificazione dei piccioni di provvedere, mediante apposizione di griglie o reti, all’immediata chiusura di tutte le aperture di areazione e di accesso attraverso i quali i piccioni possano introdursi e trovare riparo o luogo per la nidificazione;

❌ E’ FATTO OBBLIGO a tutti i possessori/detentori a qualsiasi titolo o amministratori di immobili di impedire la sosta abituale o permanente dei piccioni sui terrazzi, sui davanzali e nei cortili applicando, laddove necessario, dissuasori di tipo meccanico o strutturale atti a mantenere condizioni sfavorevoli alla nidificazione e allo stanziamento dei colombi.


SI AVVERTE CHE chiunque violi i disposti della presente ordinanza sarà soggetto:
???? al pagamento della sanzione amministrativa da euro 80,00 ad euro 480,00 ai sensi di quanto disposto dal vigente Regolamento comunale per l’applicazione delle sanzioni per violazioni e ordinanze e regolamenti comunali;
????all’applicazione della disposizione di cui all’articolo 650 Codice Penale;
???? all’eventuale recupero degli oneri anticipati dall’Amministrazione comunale per le operazioni di disinfezione e ripulitura delle aree pubbliche sottostanti a proprietà private.



il Sindaco
prof. Alex Pennacchio

 

Scarica il testo integrale dell'ordinanza del Sindaco n. 126/2022